01 09 2017

Parla Paolo Guerrieri: Banche, così si è risolta la crisi
Ecco quali sono state le soluzioni scelte per le due popolari venete, per Mps e per gli altri istituti di credito, e le differenze con le misure utilizzate dagli altri Paesi

Con il senatore Paolo Guerrieri, membro della commissione bilancio del Senato, ordinario di Economia internazionale alla Sapienza di Roma e docente al Collegio Europeo di Bruges, la conversazione sulla «liquidazione ordinata» delle banche venete rappresenta l’occasione per fare chiarezza sulle specificità tecniche della....

more

01 09 2017

parla Antonio Patuelli: Banche, troppe regole fanno male
Per gli istituti di credito, dice il presidente dell'Abi, la sfida principale è recuperare redditività: sono infiniti gli sforzi di riduzione dei costi, di miglioramento nella gestione dei rischi e di ottimizzazione delle dotazioni di capitale. Ma sono anche ingenti gli investimenti per l'innovazione, la sicurezza, la semplificazione dei processi. Ora le nuove decisioni del Comitato di Basilea devono favorire la stabilità e non complicare la ripresa

Non servono troppe regole, anzi. È questa l’opinione espressa da Antonio Patuelli, presidente dell’Abi, in un mondo dove invece il dirigismo burocratico sembra aver preso il sopravvento. «Basta pensare», dice,   «che nel 2016, per il solo mondo finanziario e assicurativo sono state emanate addirittura 1.247....

more

01 09 2017

Parla Gian Maria Mossa: Vogliamo diventare la più grande banca private
L'amministratore delegato di Banca Generali mira a trasformare l'attività dell'istituto applicando ai piccoli risparmiatori le stesse tecniche di gestione utilizzate per i grandi patrimoni. Ecco come

Banca Generali accelera sulla trasformazione in banca private. Naturalmente inseguendo l’eccellenza. È questa la svolta che l’amministratore delegato Gian Maria Mossa vuole imprimere all’istituto in un orizzonte di cinque anniA Londra avete dedicato una intera giornata al tema della Mifid 2. Che cosa cambierà per il....

more

01 09 2017

Perché l'Italia è ancora bancocentrica
L'Italia sconta un sistema che ha impedito lo sviluppo del mercato dei capital e il salto dimensionale alle piccole imprese. Delle soluzioni per uscirne e degli ostacoli da superare ne hanno parlato a Controcorrente, la trasmissione di Le Fonti Tv, due professori di economia

L’Italia resta un Paese bancocentrico. Un sistema nato nel Dopoguerra che ha impedito lo sviluppo del mercato dei capitali e la possibilità, per le imprese, di trovare finanziamenti in canali alternativi rispetto a quello bancario. Lo sviluppo economico e finanziario è avvenuto in Italia in un ambiente chiuso a livello....

more

17 07 2017

Telefoni e chat, la nuova frontiera del credito
I colossi del web, dell'e-commerce e delle tlc invadono il mercato dei sistemi di pagamento innovativi. Da Amazon a Samsung passando per Apple, Google e i cinesi di Alibaba: tutti studiano il modo per togliere alle banche il monopolio delle transazioni in denaro puntando sulle nuove tecnologie e sulla fidelizzazione di masse enormi di utenti. Per chi resta legato al contante gli sportelli arrivano pure dal tabaccaio

Le vecchie abitudini sono difficili da superare. Almeno nel nostro Paese. Malgrado la diffusione delle nuove tecnologie e la riduzione degli sportelli fisici (-2,1% nel 2015), chi utilizza la rete per fare operazioni bancarie resta ancora circoscritto al 28% di coloro che hanno dimestichezza con il web. Tanto per avere un’idea, la media....

more

15 06 2017

La banca nell'era dell'intelligenza artificiale
Blockchain, cognitive computer, software robot: la rivoluzione digitale del credito cambia le regole del gioco. E in Italia c'è chi è in pole position

Un cambiamento epocale. Quasi un salto quantico, quello che attende il settore bancario nei prossimi anni. Le trasformazioni che hanno interessato il credito nell’ultimo decennio sono solo l’antipasto della rivoluzione, indotta dall’avvento di nuove tecnologie, che sta radicalmente innovando il modello di business del comparto.....

more

06 04 2017

Lasciate stare le banche popolari
Il modello cooperativo degli istituti di credito legati al territorio, è messo in discussione. Il presidente di Assopopolari spiega come andrebbe difeso e perché i numeri gli danno ragione. E ricorda che ci sono banche che non hanno mai venduto derivati, fatto subprime, emesso subordinate...

Il 2017 sarà un anno importante per le banche popolari. La Corte Costituzionale scioglierà definitivamente il nodo sul cambio della governance e nel frattempo si capirà se la fusione tra Banco Popolare e Bpm sarà un caso isolato oppure l’inizio di una trasformazione più profonda. Nel frattempo anche il mondo....

more
IN EDICOLA

L'EDITORIALE
La convivenza con i robot richiede un forte impegno

I film di fantascienza con robot che si muovono e che ragionano come gli uomini (se non meglio di loro) e che basano i loro ragionamenti su un quantitativo enorme di informazioni e su una capacità di apprendimento autonomo elaborata dall’esperienza, stanno per diventare

Leggi tutto

Powered by Share Trading

Everlasting
I piú letti
Le strategie del risparmio al tempo dei tassi a zero

06/04/2016

L'industria del risparmio gestito, con la raccolta record del 2015 (oltre 140 miliardi)

Hsbc Global Asset Management lancia due nuovi fondi sul mercato italiano

14/03/2016

HBSC Global Asset Management amplia la gamma di fondi disponibili per il mercato itali